Parigi val bene un Bunga Bunga


Situata nella Francia settentrionale e più precisamente nella regione dell’Île-de-France, Parigi ha un’estensione di oltre 100 kmq e una popolazione di oltre 11 milioni di abitanti se consideriamo l’area metropolitana. Ciò significa che solo una minima parte di essa ha la fortuna di risiedere entro gli antichi confini della Ville de Paris, mentre gli altri vivono nei sobborghi, in edifici di recente costruzione. Divisa in 20 arrondissements (quartieri), è attraversata dalla Senna che la divide in Rive Gauche, più intellettuale ed aristocratica, e Rive Droite, più mondana e borghese.
In 4 giorni è ovviamente impossibile visitare tutta Parigi, ma camminando  di buona lena  si riescono a vedere almeno le cose più importanti e anche qualcosina fra quelle cosiddette “minori”.
Il tempo estremamente limitato rende obbligatorio l’uso della metropolitana che è, senza ombra di dubbio, il mezzo più rapido e pratico per spostarsi a Parigi. 15 linee e 400 stazioni consentono infatti di raggiungere in breve tempo qualunque monumento di interesse turistico e di muoversi evitando gli inevitabili rallentamenti che si avrebbero percorrendo le strade di superficie.



Indubbiamente conveniente la Paris Visite, che si può fare per 1, 3 o 5 giorni e permette di prendere la metro, la RER (linea ferroviaria che serve gran parte della città, gli aeroporti e i dintorni di Parigi) e addirittura la funicolare di Montmartre.


Le principali attrazioni che consiglio di visitare sono la caratteristica e famosissima Avenue des Champs-Elysées dove fare romantiche passeggiate, la maestosa Tour Eiffel, Avenue Montaigne e lo storico Arco di Trionfo. Non può mancare certo una visita ai musei parigini tanto famosi in tutto il mondo, tra i tanti, il Lovre, il museo d’Orsay e il Grand Palais museum oltre che la Reggia di Versailles a 40km dalla città. E per finire una rilassante passeggiata sulle rive della Senna.


Aeroporto di Orly (ORLY)
L’aeroporto di Orly si trova a sud del centro di Parigi. Il treno navetta Orlyval è il miglior mezzo per raggiungere Parigi e collega i due terminal con l’aerostazione Antony. Da qui la linea B della RER conduce al centro di Parigi.
Paris mon amour!

Louvre – Place Vendôme (1 e 2)
Dai giardini delle Tuileries sulla riva destra della Senna, il Museo del Louvre domina il cuore culturale di Parigi. Il Museo del Louvre ospita più di 35.000 opere disposte su un’area espositiva di oltre 60.000 metri quadrati. Situato sulla “Rive droite” della Senna, il Louvre è il museo più visitato del mondo.
Il consiglio è di andare ad ammirare direttamente i lavori più famosi, tra cui La Gioconda e la Venere di Milo, la Nike di Samotracia e Psiche e Cupido di Canova. Entrare nel Louvre attraverso la struttura medioevale originaria, costruita nel XII secolo ed esplorare i capolavori dalla Grecia Antica al Rinascimento Italiano, dai manufatti etruschi ai dipinti francesi del XIX secolo.


Rue St-Honoré e Rue de Rivoli sono costellate di boutique esclusive, mentre l’antico mercato di Les Halles ospita un modernissimo centro commerciale.

Il 2° Arrondissement è il quartiere finanziario e dei teatri, dove si trovano la Bourse e il teatro nazionale della Comédie Française. La stazione Châtelet-Les Halles è lo snodo di trasporti più grande e affollato della città.
Marais – Pompidou – Notre Dame de Paris (3 e 4)
Mix affascinante di arte e architettura, i quartieri Beaubourg e Marais ospitano la comunità ebraica parigina e una serie di attrazioni imperdibili. Mete da non dimenticare sono il Centre Pompidou, Place des Vosges (la piazza più antica di Parigi), il Museo Picasso, la cattedrale di Notre-Dame e il bellissimo Ile St-Louis. La cattedrale di Notre Dame è uno dei capolavori dell’arte gotica ed è stata iniziata nel 1163, anno a cui risale il coro, la parte più antica. Victor Hugo dedicò alla cattedrale il famoso romanzo Notre Dame de Paris ed altrettanto famosi sono diventati i gargoyles, i mostri mitologici ornamentali in pietra che si affacciano dai cornicioni.


Sulle rive della Senna ci sono tantissime bancarelle che vendono uccelli, fiori e libri. Village St-Paul è imperdibile per chi è alla ricerca di oggetti di antiquariato. Il modo migliore per visitare la zona è a piedi.
Quartiere Latino – Panthéon (5)
Da sempre centro accademico e liberale di Parigi, il Quartiere Latino è rinomato per le stradine acciottolate chiuse al traffico e per l’Università della Sorbona. Nelle vicinanze si trovano i cinema e le librerie di Place St-Michel, gli eleganti negozi e caffè di St Germain des Prés, il mercato all’aperto di Rue Mouffetard, i giardini del Luxenbourg e il Jardin des Plantes. Pantheon, sacrario dei grandi di Francia, dove sono sepolti Voltaire, Rousseau, Zola, Dumas ma anche i premi Nobel Pierre e Marie Curie e l’inventore dell’alfabeto per ciechi Braille.
Saint Germain-des-Prés – Luxembourg (6)
Saint-Germain-des-Prés, un caratteristico borgo situato sulla riva sinistra della Senna, delimitato dal fiume, dalla Torre Eiffel, dai giardini del Luxembourg e dal Quartiere Latino. Famoso per i suoi numerosi caffè, bistrò e cofee shop, ospita lo storico Café Les Deux Magots, un tempo meta di scrittori e artisti della Lost Generation. Altre attrattive popolari includono l’Istituto di Francia, il Palais Abbatial, il Teatro dell’Odéon e St-Germain-des-Prés, la chiesa più antica di Parigi.
Torre Eiffel – Museo d’Orsay (7)
La Torre Eiffeil, il simbolo più alto e famoso di Parigi, un vero totem di “lamiera e bulloni”, fieramente osteggiato dagli intellettuali parigini al momento della sua costruzione. Alta 320 m, si può salire in ascensore ad ognuna delle tre piattaforme che la compongono: la prima a 57 m da terra, la seconda a 125, la terza a 274, ma potete salire anche usando le scale per gustarvi lentamente la vista che va via via facendosi sempre più ampia. Si eleva tra i palazzi governativi e residenziali della riva sinistra. Sovrasta i prati di Champ-de-Mars e i monumenti circostanti, tra cui Les Invalides e l’Ecole Militaire.

Tra i musei principali figurano il Musée d’Orsay, il Musée Rodin e il Musée du Quai Branly. Dal 7° Arrondissement, inoltre, partono numerosissime gite in barca lungo il fiume.


Champs-Elysées (8)
Snodandosi tra Place de la Concorde e l’Arc de Triomphe, questo famoso viale alberato percorre il cuore della parte occidentale di Parigi. Gli chalet dei mercatini di Natale adornano il viale più bello del mondo, gli Champs Elysees, tra Place de la Concorde e il Rond Point des Champs-Elysees. Prodotti artigianali, pietanze e decorazioni natalizie sono i protagonisti del più magico ed elegante mercatino di Natale al Mondo!  A partire dalla fine del mese di novembre, infatti, le iniziative natalizie in città si moltiplicano.

Al centro della place de la Concorde viene eretta una grande ruota panoramica dalla quale poter godere della migliore vista sui giardini delle Tuileries e sugli Champs-Elysées; davanti all’hotel de ville (municipio) viene installata una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Anche la Tour Eiffel, ormai da più di un secolo il simbolo indiscusso della capitale francese, partecipa ogni anno ai festeggiamenti natalizi.  Così, ogni sera, alle 20, 21, 22 e 23, dopo i cinque minuti di scintillamento abituali, comincia lo spettacolo…per vederlo bisogna recarsi al Trocadéro.
Le strade attorno a La Madeleine sono piene di negozi di lusso, palazzi monumentali ottocenteschi, appartamenti alla moda, ristoranti e edifici che ospitano imprese multinazionali. Tra gli edifici più importanti figurano Grand e Petit Palais, Palais de la Découverte (museo delle scienze) e il palazzo presidenziale. La Gare St-Lazare si trova all’estremità orientale. Place de la Concorde con il suo obelisco che molti secoli fa faceva da sentinella al tempio egizio del dio Ammone a Tebe. Durante la Rivoluzione, nell’angolo nord-est della piazza era collocata la ghigliottina e qui molti aristocratici ebbero tagliata la testa (il nome della piazza, Concordia, allude proprio alla concordia ritrovata dopo il periodo del Terrore).
Opera – Grands Magasins (9)
Le varie opzioni di svago, dall’Opéra Garnier agli spettacoli di cabaret e di danza di Pigalle, sono l’essenza di questo quartiere. I Grands Boulevards scendono fino ai suoi confini meridionali, fiancheggiati da famosi grandi magazzini, da banche internazionali e dalle case d’asta Drouot. Paris-Story e il Musée Grévin sono due attrazioni molto gettonate. Montmartre e il museo del Louvre si trovano a poca distanza.
Gare du Nord – Gare de L’Est (10)
Questa è una zona di passaggio, con due stazioni principali e una dozzina di linee del Métro; Gare du Nord è il capolinea ferroviario dell’Eurostar e dei treni per l’aeroporto Charles de Gaulle. Le visite più importanti sono quelle ai musei del vetro e dei ventagli e agli archi seicenteschi di St-Denis e di St-Martin. Negozi etnici, mercati e ristoranti su Boulevard de Strasbourg e Passage Brady (“Little India”) e vivaci caffè lungo Canal St-Martin costituiscono svaghi ricchi di atmosfera.
Bastille – République (11)
Situato a nord-est di Place de la Bastille, questo quartiere operaio continua ad attirare sempre più giovani parigini. Dove c’erano negozi e bistrò sorgono boutique alla moda, caffè e bar, anche se qualche vecchia bottega continua a sopravvivere. Ogni anno il 14 luglio, giorno in cui la Francia commemora la Rivoluzione, ritornano a farsi sentire gli ideali della sinistra. Alcune lastre di pietra ricordano il posto in cui sorgeva la Bastiglia.

Can-Can di/of Jacques Offenbach

Gare de Lyon – Bercy (12)
Questo che si estende a est lungo la riva destra è un quartiere di svaghi, istituzioni governative e spazi verdi. La vita notturna è concentrata attorno a Place de la Bastille, dove troverai l’omonimo Teatro dell’Opera, uno dei due siti dell’Opéra National de Paris. Parc de Bercy comprende uno stadio e un centro relax. Oltre il Périphérique si estende Bois de Vincennes, il più grande parco di Parigi, dove è possibile fare un giro in barca sul lago o visitare lo zoo. La zona è ben servita dai mezzi di trasporto locali e dalla Gare de Lyon.
Gare d’Austerlitz – Place d’Italie (13)
Questo quartiere parigino rinnovato di recente comprende la coloratissima Chinatown, il villaggio di Butte aux Cailles, arroccato su una collina, e i grandi cinema di Place d’Italie. Tra le più importanti opere di riqualificazione urbana rientrano la nuova Bibliothèque Nationale, il Métro express e le linee dei treni regionali. È vicino al Bercy Village e al Quartiere latino.
Torre Montparnasse (14)
Questo quartiere residenziale e commerciale, a sud del Quartiere latino, è ricco di caffè e brasserie della Lost Generation dall’atmosfera retrò, vicino a Place Vavin e al cimitero di Montparnasse. Tra le attrazioni figurano le Catacombe, Parc Montsouris, la Cité Universitaire e alcuni piccoli musei d’arte. I discount della moda di Rue d’Alésia e il mercato delle pulci di Vanves attirano chi è alla ricerca di affari. Autobus e treni conducono all’aeroporto di Orly.


Per gli incontentabili e per coloro che vogliono fare anche qualche foto panoramica con Torre Eiffel inclusa consiglio una puntata alla Tour Montparnasse, fermata metro: Montparnasse-Bienvenue, dalla quale si può godere del miglior panorama parigino.


Gare Montparnasse – Porte de Versailles (15)
In questo quartiere si trovano le sale convegni del Parc des Expositions, i prati rigogliosi di Parc André Citroën e i vigneti di Parc Georges Brassens sono tutti facilmente raggiungibili; anche il Quartiere latino, il cimitero di Montparnasse e St-Germain-des-Prés sono a breve distanza.
Trocadero (16)
Le strade a sud-ovest dell’Arc de Triomphe sono fiancheggiate da residenze esclusive, ambasciate, esempi dinamici di architettura moderna e ristoranti eleganti.

Lungo il fiume sono degni di nota il grandioso Palais de Chaillot con i suoi giardini adornati con belle fontane, il Palais de Tokyo e la Maison de Radio France (concerti gratuiti). Superato il Périphérique, il Bois de Boulogne è un bel parco con laghetti e servizi per il tempo libero; è consigliabile evitarlo dopo il tramonto.
Arc de Triomphe – Palais des Congrès (17)
Il 17° Arrondissement, bellissima zona residenziale, si estende a nord di Place de l’Etoile (la rotonda a forma di stella dove si trova l’Arc de Triomphe), da cui è semplice raggiungere i quartieri di La Défense e di Neuilly-sur-Seine. Dopo l’Arco di Trionfo prendete la metropolitana e scendete alla Defense Gran d’Arc, per visitare il modernissimo quartiere della Defense che deve il suo nome ad una scultura che ricorda la difesa di Parigi assediata da prussiani. Se prima ci trovavamo in piena epopea ottocentesca ora ci troviamo di colpo immersi nella città del futuro: 30 edifici a forma di torre si elevano su una piattaforma di 1.200 metri per 250. I mezzi di trasporto si muovono su un livello (quello inferiore) e gli uomini camminano su un altro livello (quello superiore).


Parc Monceau è un’oasi la cui parte meridionale è caratterizzata dal tipico paesaggio inglese. A est si trova il quartiere operaio Les Batignolles.
Montmartre – Sacre Coeur (18)
Il villaggio bohémienne di Montmartre, una delle zone più amate della Parigi alta, è caratterizzato da strade tortuose, dai ritrattisti in Place du Tertre, dalla basilica del Sacré-Coeur con le sue tre cupole e da grandiose viste panoramiche sulla città. Caffè e locali di cabaret aperti fino a tarda notte rendono ancora più magica l’atmosfera. Oltre alla famosa Basilique du Sacre-Cœur, tra le cose più interessanti da vedere a Montmartre c’è il Cimetière de Montmartre, Place du Tertre ed un piccolo vigneto che cresce in pendenza nel bel mezzo di Montmartre.

Al Cimetière de Montmartre si trovano tombe di molti artisti famosi. Tra questi ricordo ad esempio gli scrittori Stendhal, Dumas e Zola, il regista François Truffaut, gli artisti Fragonard e Degas.
Tra i posti più speciali, c’è sicuramente Place du Tertre. Qui si concentrano tutti gli artisti da strada e le bancarelle tipiche di Montmartre. Una cosa che si può fare è un giro su uno dei piccoli autobus di linea che passano per Montmartre. Le strade all’andata e al ritorno sono differenti e si vedono molte cose interessanti.


Subito sotto la collina di Montmartre c’è il quartiere a luci rosse di Pigalle. Qui si trova anche il Moulin Rouge.


Il quartiere multiculturale di Goutte d’Or attorno a Barbès-Rochechouart Métro è caratterizzato da mercati all’aperto e negozi etnici. Il mercato delle pulci di St-Ouen attira molti visitatori nei fine settimana.
Buttes Chaumont – La Villette (19)
Il Parc de la Villette, che un tempo ospitava l’antico mattatoio della città, è l’attrazione principale di questo quartiere residenziale e commerciale nel nord-est di Parigi; si tratta di un ampio parco tematico con un museo delle scienze e con molte attrazioni per i bambini. Altri luoghi d’interesse sono l’eccentrico Parc des Buttes-Chaumont di Belleville e il canale di Bassin de la Villette (gite in barca).
Père Lachaise – Ménilmontant (20)
Père Lachaise, il più grande cimitero di Parigi, ospita le tombe di personaggi illustri, da Molière e Oscar Wilde a Edith Piaf e Jim Morrison. Alcuni monumenti ricordano l’ultima rivolta della Comune di Parigi del 1871, le vittime dei campi di concentramento e i combattenti della Resistenza della Seconda Guerra Mondiale. Vicino Ménilmontant sorge un dinamico quartiere popolato da artisti.

Chi vuole vedere tutte le immagini scattate durante il “viaggio a Parigi”, sempre stando sul sito http://gastonemariotti.com clicchi su Foto e poi sull’apposita galleria “4 giorni a Parigi”. Buona visione!

Parigi,le mete imperdibili della città

Nessun commento

Lascia un commento