…in carbognanese-1

Ricettario carbognanese on line

Le ricette possono essere mandate dai visitatori corredate da foto

‘E gavinelle

gavinelle

Ingredienti:

farina
acqua
sale

Procedimento

Piate un po’ de farina e ‘mmucchiatela lì ‘mmezzo ‘a spianatora a forma de funtana.
Drento ‘o bucio, buttatece l’acqua e ‘o sale, ‘mpastate tutto veramente be’.
Piate ‘n lepperello de ‘sta pasta e fatto ‘n bucio la ppe’ ‘mezzo lavoratela co’ ‘e mano e fatela  venì come ‘na matassa de lana.
Fa bullì l’acqua co’ ‘n lepparello de sale e buttatecele drento.

 

‘E ciarle

frappe

Ingredienti:

Uova
Zucchero
Farina
Vino

 Preparazione:

Pija ‘n bicchié de vino de quello bono.
Du’ ova, tre cucchiari de zucchero. Du’ etti de farina.
‘Mpasta tutto be’ finché nun te se so’ straccate ‘e mano, quanno è venuta
be’ fa ‘na bella stesa.
Po’, taja tutto a strisce e cocele dentro l’ojo bullente.
Quanno so’ cotte, spannece sopra ‘o zucchero.

 

I bricheli tonni

brigheli

 Dosi per: 4

pasta 1.000 g
acqua
sale q.b.

Esecuzione:

Piate ‘a farina e mettela su ‘a spianatora a forma de funtana, mettetece ‘n po’ d’acqua e ‘mpastate tutto veramente be’.
Quanno a’ ‘mmpastato proprio be’, pìene ‘n po’ e stennela co’ ‘e mano.
Taja co’ ‘o curtello tutto a bastoncelli ciuchi.
Po’, bastò pe’ bastò, li stenni, la da fa diventà come tutti spaghetti grossi.
Quanno l’acqua co’ sale bulle, li metti drento e li scoli quasi subbito.
Pe’ èssa boni ‘o suco a dà èssa mejo e bello pizzicoso ‘ncò.

 

I tordi ‘mpilottati

Esecuzione:

Prima cosa sa da essa cacciatori de quelli boni pè potelli magnà.
Doppo de che sa da pià ‘na pila de quelle de coccio donca mettece drento i
tordi o i storni spennati lavati e puliti
Ciada metta ‘n cucchiaro d’ogghio pè tordo e ‘n cucchiaro de vino sempre pè
tordo.
Tocca mettece l’olive secche ‘nco megghio si so 3/4 pè tordo.
Po ce mettemo ‘n spicchio de cipolla, po o sale e o pepe sano, du vaca a tordo.
Quanno ciamo messo tutto, piamo ‘n pezzo de carta oghielata, de quella bona
però! e la mettemo sopra a pila bella stesa, pò ce mettemo sopra o cuperchio e
chiudemo bè.
Macara pè sta piò tranquilli ce mettemo pure ‘n mattò sopra o cuperchio.
Mo lassamela lì a bullì pè armeno ‘n ora senza mai stuzzicalla.
Si facemo bè ste cose so ‘n gran boni!!!
 

I frittellò

 frittello

Ingredienti:

‘n leppo de farina
‘n lepparello d’acqua
3 uova

 Esecuzione:

Piji tutto que’ e lo metti drento ‘n bacile e sbatti be’ e lo lasci fermo pe’ ‘n po’.
Doppo piji ‘a padella più jerta che c’è e la scalli su ppe’ ‘o foco grosso, doppo la ogni be’ co’ l’onto do ‘o porco tuo (che sa quello che ha magnato).
Quanno vedi che l’onto frìe ce butti drento ‘n po’ de ‘sta pastella ch’ha fatto.
Pe’ falli boni ‘a pastella à da essa poca poca, cossì i frittellò viénno fini fini, apposta ‘o sgummarello à da essa ciuco.
Quanno que’ so’ cotti (e ce se mette poco) li sbatti su ppe’ ‘o piatto, ‘ntanto mariteto ha grattato ‘o cacio (pecorino de quello bono, co’ ‘a lacrima) ch’à da spanna be’ be’ su ppe’ ‘o frittello.
Po’ lo pieghi e te lo magni.
Pe’ di’ quanto so’ boni, su ppe’ ‘o tavolino, ci ha da essa minimo ‘n fiasco de vino.
‘O fiasco à da essa de quelli co’ ‘a scorsa, perché si te viénno a tròva nun hanno da vèda quante te ne sì bevuto.

 

I maritelli

maritello

 Ingredienti:

Cinque ova
‘n chilo de zucchero
l’ojo
l’acquavite
‘o lomò
‘a cannella
‘o latte
‘o levito de casa
‘a farina quanta ne pija

Esecuzione:

Oh!! Mo mettemo ‘a farina a funtana suppe ‘a spianatora e ce ‘mmischiamo tutta ‘a robba e ‘mpastamo senza però falla ‘ntostà tanto.
Quanno edè pronta la tajamo a tocchetti ciuchi e li mettemo a levità drento ‘o tello e lì coprimo co’ ‘a mantella do’ pa’
Quanno so’ levitati, se sbatte ‘n ovo e ce se spanne sopra co’ ‘n pennello, po’ ce se fa ‘n tajetto dritto lì ‘mmezzo e se ‘nforneno.
Que’ edè ‘n dorce che cchì se magna solo ‘a mattina de Pasqua ‘nseme a ‘alomma e all’ova lesse.

 

I tozzetti co’ le nocchie

tozzetti

 Ingredienti:

‘ancannella
‘o limò
‘e nocchie secche
l’ojo
‘o vino (mezzo bicchié)
‘n pizzico de bicarbonato
‘o zucchero e ‘a farina quanta ne pija

 Esecuzione:

Su ppe’ ‘a spianatora va messa ‘a farina a funtana e drento ce se metteno tutti ‘ngredienti e se maneggia be’ be’.
‘A pasta a da èssa morbida.
Po’ se fanno tutti bricheli grossi e se tajeno tutti pezzi larghi du’ deta.
Se pija mò ‘o solo, se ogne be’, co’ ‘o strutto, ce se metteno ‘n fila ‘sti Tozzetti e se ‘nforneno.

 

‘A burraggine

borragine

Preparazione:

Prima de tutto tocca ì fò a trovà ‘st’erba.
Que’ edeé ‘n erba co’ ‘e foje grosse e pelose che quanno fiorisce fa certi fiori de color azzurro/rosa, e che cchi da noi se magna, come tradiziò, pe’ ‘o cenò de Natale.
Allora ‘na vorta ch’ha trovo ‘sta pianta, coji quante fojie te serveno, e fojie hanno da èssa nun tanto grosse e nun tanto ciuche.
Doppo de chè ‘na vorta a casa prepari ‘a pastella co’ ‘n ovo, ‘a farina e l’acqua.
Da ‘n ‘antra parte li ppe’ ‘o pestasale, sfragni be’ be’ l’àjio, l’erbetta e ‘n po’ d’alici.
‘Cchiappi mò ‘ste fojie che prima ‘a lavato e ‘a scolato, e co’ ‘o curtello ce spanni ‘o pesto ch’ha fatto.
Po’, si ‘a fojia edèra grossa la pieghi la ppe’ ‘nmezzo, si nno piji ‘n antra fojiarella ciuca e ce la metti sopra.
Quanno l’ha fatte tutte, metti a bullì l’ojio e quanno que’ ftìe, ‘cchiappi ‘ste fojie e le passi drento ‘a pastella e le metti a cocia.
Quanno so’ cotte, le levi e le fa scolà ‘n pochetto doppo le metti li ppe’ ‘o piatto e le porti a tavola.

 

A minestra co’ ‘e fave

minestraconlefave

Esecuzione:

Serveno ‘e fave secche co’ tutta ‘a coccia, se lesseno co’ ‘o finocchio servatico e ‘a bieda.
Da ‘nantra parte prepara ‘ntanto ‘o battuto co’ ‘e cotiche do’ porco, ‘a cipolla, ‘o pummidoro e quanno tutto que’ edè pronto spannelo su ‘e fave.

 

I sugheli

sugheli

Esecuzione:

Piate ‘e castagne co’ tutta ‘a coccia e mettetele a bullì co’ l’acqua.
Quanno se so’ cotte scolatele, spaccatele e sugate quello che stà drento.
Come beveraggio se consija, vino rosso de cantina e de quello fatto co’ l’uva, senza tanti ‘ntruj drento.

 

I  Zeccheli

castagne secche

Esecuzione:

Pe’ poté magna que’ ce vò ‘na gran fame.
Se pijno ‘e castagne secche, e’ mosciarèlle pe’ capisse.
Se mette a bullì l’acqua co’ ‘n pò de sale e se metteno a lessà ‘ste mosciarelle.
Quanno que’ sò lesse se magneno come ‘o pa’.

 

‘O sanguinaccio

sanguinaccio-maiale

Esecuzione:

Dòppo ch’amo mazzato ‘o porco, se pijeno ‘e budella più grosse e se sciaqqueno be’.
Dòppo de che se pija ‘o sangue do’ porco, che ‘ntanto che lo scannaveno amo fatto scolà drento ‘o sivelò, e ce mettemo ‘n lepparello de sale, sfranto prima co’ ‘o pestasale, ‘o pa’ cotto e ‘n pò de tocchetti de grasso do’ porco.
Quanno ciamo messo tutto, tocca maneggià forte ‘n modo che tutto sa da’ ‘mmischià be’, ‘nzomma a da èssa tutto ‘guale.
Mò pijamo ‘e budella sciacquate e le ‘tturamo da ‘na parte ‘nodannole be’, perchè ‘nun hanno da perda.
Addè co’ ‘o sgummarello ce mannamo drento quello che sta drento ‘o sivelò, e quanno ‘o budello edè pieno lo legamo pure da quell’antra parte.
Mò li legamo da ‘n bastò e ‘ntanto mettemo ‘a callara co’ l’acqua suppe ‘o foco a bullì.
Quanno bulle ce se butteno drento ‘sti budelli, che ‘mmò so’ pieni e che pareno tutti bastò, e se fanno cocia be’.
Quanno vanno be’ de cottura, se scolano e se ‘ppicheno per aria e se lasciano sciuttà.

 

A falolicchia

falolicchia

Esecuzione:

Quanno se fa ‘o pa’ de casa, se pija ‘n pezzo dé pasta e se mette sopra ‘a tavela de a spianatora.
Po’ co’ ‘e mano se ‘llunga e se sfina (uno o du’ centimetri) e ce se mette ‘o sale e l’ojo d’oliva bono.
Doppo se va a fa’ ‘nfornà, prima do’ pa’.

 

‘O pan’ cotto

pane cotto

Esecuzione:

Serve ‘o piluccio, donca drento ce se mette ‘o pa’, l’acqua, ‘o sale e ‘n àjo.
Quanno ‘o pa’ edè cotto, co’ ‘o sgummarello lo mettemo li ppe’ i piatti e ce mettemo sopra ‘n lepparello d’ojo e magnamo.

 

‘O pa’ ‘mmollo

pa mollo

Esecuzione:

Sempre lì a ‘o piluccio ce mettemo:
‘n pezzo de baccalà, du’ patate, ‘o sellero, i broccheli, l’àjo, ‘n lepparello d’ojo, du’ pummidori (si ce so’) o ‘n po’ de cunserva, l’acqua e ‘o sale.
Addè se ‘ccenne ‘o foco e se mette ‘o piluccio a bullì.
Lì ppe’ ‘a bràcia ‘ntanto bruscamo ‘o pa’.
Quanno ‘o brodo edè pronto, mettemo li ppe’ i piatti ‘e fette de pa’ bruscato, e co’ sgummarello ce mettemo sopra ‘o brodo.

 

‘E verginelle

verginelle

Esecuzione:

Ce serveno: du’ etti de noce; du’ chiare d’ova; du’ etti de zucchero ; ‘n lepparello de sale.
Piate e noce e roppetele e doppo tajiatele a tocchi grossi.
Sbatti e chiare d’ova co o zucchero be’ be’ e ‘n lepparello de sale fino a falle diventà a neve bella tosta.
Mo’ mettetece drentro puro e noci e mischiate be’ be’.
Intanto facete scallà o forno un lepparello (no troppo).
Piate ‘n lepparello de sta pasta co’ un cucchiaro e mettetelo drento i cappuccetti de carta e ‘nfornatele pe’ poco tempo.

 

RICETTE PER TUTTE LE STAGIONI OFFERTE DA ERIKA: “Piccola cuoca laziale”

piat

sedia

allen-jones-chair

madonna18anni-patatina

vaginas

timthumb

 

N.B. – Se volete scoprire questa famosa cuoca che, pur stando dietro ai fornelli, sta decisamente facendo furore cliccami qui.

tavola(1)

tette bisco

patataseno

Curvy” o “glamour” che siano, le casalinghe burrose non sono mai state così tanto di moda.

Piace farlo… In cucina, tra lavello e fornelli. Pare infatti che il set preferito per gli incontri “piccanti” delle coppie sia proprio la stanza dove si consumano i rituali pasti in famiglia.

Al morbido del materasso e alle lenzuola di seta, a volte, si preferisce sostituire il marmo del tavolo o il piano di lavoro tra fornelli e lavello per dedicarsi al piacere del corpo.

Se sesso bollente deve essere, dunque, che lo sia nel suo ambiente naturale. Pare che tra spezie e profumi di casa la libido salga in maniera esponenziale e che almeno due volte al mese la cucina si trasformi, in un set hard improvvisato. Come se non bastasse l’imperversare di trasmissioni culinarie in tv, di libri di ricette in libreria e di chef star in ogni dove, ora la cucina diventa anche il centro delle fantasie erotiche degli italiani.

Le posizioni preferite in cucina dagli irriducibili del fornello bollente:  medaglia d’oro alla posizione del “piccolo chef” – per una ricetta nuova ogni sera; in seconda posizione l’impastatore, perché un uso consapevole delle mani è sempre ben gradito; sul terzo gradino del podio la posizione del lavapiatti, perché il lavello può offrire molteplici spunti creativi; a seguire il salumiere, il pizzaiolo, l’aiuto-cuoco e il fattorino.

Per capire in che modo eseguire le ricette del kitchen sutra largo alla fantasia e… Buon appetito.

piatto

Ma la fragolina dove l’hai trovata? … prova a guardare qui

testa-libidinosa-

boccemoticon-pompini- softporn

E allora, non resta che testare le proprietà afrodisiache di tutti questi ingredienti, anziché in cucina, fra le lenzuola.

Giochi di cucina e abilità culinarie: cliccami qui, qui e qui.  Sedurre il partner cucinando? Imparalo on line.

Conquistare la propria donna (o uomo) ai fornelli: una strategia infallibile, che ora potrai mettere in pratica anche se non sai cucinare. Basta avere in mente le sopra citate ricette afrodisiache.

Proposta di una cena “futuro-gastronomica” a cura delle Jessiche: cliccami qui, qui e qui.

Si comincia a “scaldarsi” con gli “Aprigola”, cioè gli aperitivi: tra questi  “l’Inventina”, su formula originale di Marinetti, o la “Giostra d’alcol” di Prampolini cliccami qui.

Si passa poi agli antipasti con “Placafame” di Giachino o il “Guerrainletto”, sempre di Marinetti, oppure un “Percazzottare” di Saladin.

Per le “Prime entrate” ecco la “Vivanda ritratto della bella nuda” di Marinetti o il “Risotto d’imene al peccato d’amore”, immancabilmente di Marinetti.

Nelle “Seconde entrate” il “Porco eccitato” formula di Fillia o la “Compenetrazione” di Giachino. Per gli “Accompagnati” (cioè i contorni) le “Uova divorziate” di Giachino, mentre per i formaggi e i dessert il “Desiderio Bianco” di Fillia o la “Superpassione”, sempre di Fillia.

incontro-di-genitali-La Cucinotta in cucina cliccami qui. E intanto cucinava, cucinava, e alla fine le due tette marmoree hanno scolato la pasta e ti hanno fritto meglio di una patatina.

Tutta la felicità sta nel frigobar, tutta la modernità sta nel frigobar cliccami qui

Ed ora vediamo come cucinare un meraviglioso piatto di carne all’argentina, ecco qui un esemplare della migliore carne argentina (guarda qua), il suo sapore, quando verrà servito da una deliziosa cameriera (guarda qua) vi stuzzicherà!

Quando poi avrete voglia di stupire, provate le ricette gourmet. I vostri ospiti resteranno davvero… a bocca aperta! Cliccami qui

E..per finire..in abiti alquanto succinti..si prepari un dolce. Ne gradite una fetta? Cliccami qui

Per chi poi avesse bisogno di un aiuto “enologico” cliccare qui.  Però … se non reggete l’alcool non lo fate, perché ‘sto frutto de vite se non siete ben attrezzati ve porta dritto dritto ar Creatore! Cliccami qui

Cin Cin

Dopo il zumpapà! E’ arrivato lo gnam-gnam! Essì, magnamose pure l’Africa intera.

cibospazzatura

 gnocchetti

assalto al colosseo

Il girovita c’è e si allarga. Gnam! Avanti con le abbuffate. Mangiare, l’atto apparentemente più ovvio che uno possa immaginare scatena la linea cotica. Essì, il grande vizio di oggi è la gola sfondata, è il mangiarsi addosso, il divorare cibo senza aver fame: l’amatriciana ci tiene in pugno, il fritto ci umilia, il maialino ci rende peccatori e  quando ci si alza dalla tavola abbiamo la faccia lievitata con gli occhi che galleggiano in un laghetto di colesterolo espanso.

sesso-design-

L’allusione della pornogastronomia rende possibile l’impossibile: mangiare il sesso, nutrirsi dei suoi organi, scioglierlo anche solo simbolicamente nel proprio corpo; praline che sembrano tette, cioccolatini a forma di falli, vagine realizzate col marzapane.

piatto1
Solo per sentirsi monda da ogni colpa carnale, così volentieri la cuoca felice confeziona dolcetti capezzolati, biscottini prepuziali, cannoli che paiono incapaci di trattenere l’eruzione precoce del loro ripieno.

cu1post

Nel girone infernale dei lussuriosi, senza remissione possibile, è dato immaginare che esista un’area specifica destinata agli artigiani della norcineria. Nessun danno alla morigeratezza sarebbe così imputabile all’impudica corallina, ma soprattutto a quell’insaccato, diffuso in terra francescana, che comunemente è detto “Cojoni di mulo”; un vero esempio da scuola di prelibatezza fondata sul principio della più devastante lascivia.

cuc3

Un derivato del suino nel corpo e nell’anima, con l’aggravante dell’iperbole di un nome che, già da molto tempo, avrebbe dovuto suggerirne la perenne messa all’indice da parte degli zelatori della pudicizia alimentare.

pizza

povera italia

modella-latte-

piatto2

Il medico raccomanda di mangiare una mela prima di pulire la cucina e andare a dormire (cliccami qui).

cucina-scena-del-crimine

cucina dopo pulizia

 

2 Comments so far

  1. Odoardo on dicembre 23rd, 2008

    Complimenti Gastone, ho casualmente scoperto il tuo sito cercando una foto di un piatto di Gavinelle,sono rimasto a curiosare tra le tue pagine trovandole interssanti. approfitto per fare gli auguri per le prossime festività a te ed alla tua famiglia .
    P.s. credo che ti ruberò la foto del piatto di Gavinelle che ho trovato nel sito , la usero per creare un gruppo su Facebook ciao Edoardo

  2. […] …in carbognanese-1 […]

Lascia un commento