Un post da ricordare

Un post da ricordare

  

12-02-2014 – «Auguri Gastone, nato sotto il segno dell’Acquario, ecco il regalo per i tuoi 59 anni»

  • Un augurio affettuoso a chi può esibire con orgoglio oltre mezzo secolo e dimostra insieme il vigore, l’energia e la vitalità sufficienti per ricominciare a contare gli anni da zero.
    1. La giovinezza non è un periodo della vita, è uno stato della mente;

    2. è la tempra della volontà, è una qualità dell’immaginazione, è la forza delle emozioni;

    3. è il prevalere del coraggio sul timore, del desiderio di conoscere sull’ignoranza.

    4. Non si invecchia per il semplice fatto di aver vissuto un certo numero di anni, ma solo quando si abbandonano i propri ideali.

    5. Gli anni arrugano la pelle, come una vita senza entusiasmo raggrinza l’animo.

    6. Preoccupazioni, dubbi, paure e disperazione sono i lunghi anni che fanno piegare il capo e inaridiscono lo spirito.

    7. In qualunque età, in ogni cuore, vi può essere amore per la bellezza, dolce meraviglia per le stelle, commozione per un tramonto, coraggiosa sfida degli eventi, brillantezza dei pensieri, curiosità e gioia di vivere.

    8. Tu sei giovane come la tua coerenza, e vecchio quando ne dubiti;

    9. sei giovane come la fiducia in te stesso, e vecchio quando cessi di averne;

    10. sei giovane come le tue speranze, e vecchio quando le abbandoni.

    11. Fin quando il tuo cuore riceve messaggi di gioia, di bellezza, di coraggio, di pietà e di amore, tu sarai giovane.

    12. Vivi dunque come se tu dovessi morire subito, pensa come se tu non dovessi morire mai.

                        (Autore ignoto)

1955

febbraio'55

Classe 1955

Questa parte di post è per tutti noi, per tutti quelli, cioè, che sono nati nel 1955 (quando erano ancora vivi papa Pacelli, Bertolt Brecht e il brigante Musolino).
Per i nativi digitali è veramente difficile comprendere che si potesse vivere senza essere intrattenuti e connessi (non esistevano telefonini, computer, Kindle Fire  e iphone/ipad/ipod touch).  Effettivamente, dal tempo in cui sono nato a ora, si è verificata una rivoluzione tecnologica che sarebbe stata difficile da immaginare anche dal più fervido scrittore di fantascienza. Tutto si è estremamante velocizzato e si fa sempre più difficoltoso discernere tra un’infinità di emozioni e desideri che invadono ogni momento della nostra vita, da ogni angolo del pianeta, tra cosa è per l’umanità e che cosa è contro l’umanità.  E’ bene tutto ciò che costruisce, tutto ciò che l’uomo fa per l’umanità nella dimensione dell’apertura e dell’amore; è male tutto ciò che, nel tempo, si dimostra portatore di divisione e di distruzione come tutti gli “ismi” dei pregiudizi e delle ideologie.

Correva l’anno 1955 … ti ricordi: cliccami qui                  Il tempo vola? – Anno 1955:  cliccami qui

quaderno lazio

1955-02

1955-01

pecosbill

blek

Nel glorioso 1955 sono nati
-Alain Marie Pascal Prost (Lorette, 24 febbraio 1955) è un ex pilota automobilistico francese, vincitore di 51 Gran Premi di Formula 1 e quattro volte campione del Mondo.
-Alberto Giacomo Forchielli (Bologna, 28 dicembre 1955) è un imprenditore italiano.
-Alvaro Baragiola in Lojacono (Roma, 7 maggio 1955) è un terrorista italiano con cittadinanza svizzera.
-Andrea Zingoni (Firenze, 30 dicembre 1955) è un regista, scrittore e artista italiano.
-Angelo Izzo (Roma, 28 agosto 1955) è un criminale italiano.
-Anna Finocchiaro (Modica, 31 marzo 1955) è una politica e magistrato italiana.
-Bruno Conti (Nettuno, 13 marzo 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano,
-Carmen Lasorella (Matera, 28 febbraio 1955) è una giornalista italiana.
-Daniele Masala (Roma, 12 febbraio 1955) è un ex pentatleta italiano.
-Dario Gabriele Mora, detto Lele Mora (Bagnolo di Po, 31 marzo 1955), è un manager ed ex talent scout italiano.
-Dawa Tashi (Batang, 1955) è uno scrittore tibetano.
-Diego Abatantuono (Milano, 20 maggio 1955) è un attore, comico, sceneggiatore, conduttore televisivo italiano.
-Donatella Rettore, in arte Rettore (Castelfranco Veneto, 8 luglio 1955), è una cantautrice e attrice italiana.
-Enrico Cisnetto (Genova, 23 maggio 1955) è un editorialista, economista e conduttore televisivo italiano.
-Enrico Mentana (Milano, 15 gennaio 1955) è un giornalista e conduttore televisivo italiano, fondatore e, dal 1992 al 2004, direttore del TG5. Dal 15 giugno 2010 è direttore del TG LA7.
-Ermete Realacci (Sora, 1 maggio 1955) è un ambientalista e politico italiano, presidente onorario di Legambiente ed esponente del Partito Democratico.
-Filippo Ceccarelli (Roma, 22 luglio 1955) è un giornalista e scrittore italiano.
-Francesco Nuti (Prato, 17 maggio 1955) è un attore, sceneggiatore, regista e produttore cinematografico italiano.
-Franco Grillini (Pianoro, 14 marzo 1955) è un politico italiano. È presidente onorario dell’Arcigay.
-Gene Gnocchi, pseudonimo di Eugenio Ghiozzi (Fidenza, 1º marzo 1955), è un comico, conduttore televisivo, ex calciatore e cantante italiano.
-Giuseppe Daniele, detto Pino (Napoli, 19 marzo 1955), è un cantautore e musicista italiano.
-Gloria Guida (Merano, 19 novembre 1955) è un’attrice cinematografica e cantante italiana.
-Ignazio Roberto Maria Marino (Genova, 10 marzo 1955) è un medico e politico italiano, sindaco di Roma dal 12 giugno 2013.
-Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua coniugata Buitoni, più comunemente Ilaria Borletti Buitoni (Milano, 22 marzo 1955) è un’imprenditrice e politica italiana.
-Isabelle Yasmine Adjani (Parigi, 27 giugno 1955) è un’attrice teatrale, attrice cinematografica e cantante francese.
-Ivo Rossi (Padova, 18 marzo 1955) è un politico italiano, sindaco di Padova facente funzioni.
-Jacopo Fo (Roma, 31 marzo 1955) è uno scrittore, attore, regista, fumettista, blogger e attivista italiano.
-Kevin Michael Costner (Lynwood, 18 gennaio 1955) è un attore, regista, produttore cinematografico e musicista rock statunitense.
-Laura Pellegrini, conosciuta con lo pseudonimo di Ellekappa (Roma, 1955), è una fumettista e disegnatrice italiana.
-Leonardo Domenici (Firenze, 12 luglio 1955) è un politico italiano. Dal 1999 al 2009 ha ricoperto la carica di sindaco di Firenze. Attualmente è un eurodeputato.
-Livia Turco (Cuneo, 13 febbraio 1955) è una politica italiana.
-Luca Ronchi (Milano, 1955) è un produttore televisivo e regista cinematografico italiano.
-Marcello Sorgi (Palermo, 31 marzo 1955) è un giornalista italiano, già direttore del Tg1 e del quotidiano La Stampa del quale è editorialista.
-Marcello Veneziani (Bisceglie, 17 febbraio 1955) è un giornalista e scrittore italiano.
-Mariano Rajoy Brey (Santiago di Compostela, 27 marzo 1955) è un politico spagnolo, più volte ministro, presidente del Partito Popolare e Presidente del Governo dal 2011.
-Maurizio “Mauro” Coruzzi, più noto col nome d’arte del suo personaggio di drag queen Platinette (Langhirano, 4 novembre 1955), è un conduttore radiofonico, autore televisivo e attore italiano.
-Michel François Platini (Jœuf, 21 giugno 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore francese, presidente dell’UEFA dal 26 gennaio 2007.
-Michele Ainis (Messina, 6 gennaio 1955) è un giurista e costituzionalista italiano.
-Nicolas Paul Stéphane Sarközy de Nagy-Bocsa, conosciuto semplicemente come Nicolas Sarkozy (Parigi, 28 gennaio 1955) è un politico e avvocato francese.
-Ornella Muti, nome d’arte di Francesca Romana Rivelli (Roma, 9 marzo 1955), è un’attrice italiana.
-Pier Ferdinando Casini (Bologna, 3 dicembre 1955) è un politico italiano.
-Pierluigi Battista (Roma, 3 luglio 1955) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.
-Pino Corrias (Savona, 1955) è un giornalista e scrittore italiano.
-Pupo, nome d’arte di Enzo Ghinazzi (Ponticino, 11 settembre 1955), è un cantautore, conduttore televisivo e doppiatore italiano.
-Ramon Mantovani (Manresa, 13 febbraio 1955) è un politico italiano.
-Renato Balduzzi (Voghera, 12 febbraio 1955) è un giurista, accademico e politico italiano, professore ordinario di diritto costituzionale all’Università Cattolica del Sacro Cuore.
-Ricky Tognazzi, all’anagrafe Riccardo Tognazzi (Milano, 1º maggio 1955), è un attore, regista, produttore cinematografico e doppiatore italiano.
-Roberto Ernesto Maroni (Varese, 15 marzo 1955) è un politico italiano, segretario federale della Lega Nord dal 1º luglio 2012 al 15 dicembre 2013.
-Sandro Ruotolo (Napoli, 9 luglio 1955) è un giornalista italiano.
-Sebastiano Musumeci, detto Nello (Militello in Val di Catania, 21 gennaio 1955), è un politico italiano.
-Sergio Segio, detto Comandante Sirio (Pola, 24 novembre 1955), è un ex terrorista e scrittore italiano.
-Steven Paul Jobs, noto semplicemente come Steve Jobs (San Francisco, 24 febbraio 1955 – Palo Alto, 5 ottobre 2011), è stato un imprenditore, informatico e inventore statunitense.
-Susanna Camusso (Milano, 14 agosto 1955) è una sindacalista italiana, segretaria generale della CGIL dal 3 novembre 2010.
-Teresa De Sio (Napoli, 3 novembre 1955) è una cantautrice e scrittrice italiana.
-Vasco Errani (Massa Lombarda, 17 maggio 1955) è un politico italiano, Presidente della giunta regionale dell’Emilia-Romagna dal 1999.
-Vauro Senesi, noto semplicemente come Vauro (Pistoia, 24 marzo 1955), è un disegnatore, vignettista editore, personaggio televisivo e attore italiano.
-Walter Bruce Willis (Idar-Oberstein, 19 marzo 1955) è un attore, produttore cinematografico e musicista statunitense.
-Walter Veltroni (Roma, 3 luglio 1955) è un politico, giornalista e scrittore italiano, ex segretario nazionale del Partito Democratico.
-William Henry Gates III, meglio noto come Bill Gates (Seattle, 28 ottobre 1955), è un imprenditore, programmatore e informatico statunitense.
-Zucchero (pseudonimo di Adelmo Fornaciari; Reggio nell’Emilia, 25 settembre 1955) è un cantautore e musicista italiano.
-e il Guinness dei primati (fenomeno editoriale), insomma siamo in ottima compagnia. Auguri a tutti.

1955pioXII

1955-pajetta

EnricoMattei

acli


Muoiono nel 1955
-Albert Einstein (Ulma, 14 marzo 1879 – Princeton, 18 aprile 1955) è stato un fisico e filosofo della scienza tedesco naturalizzato statunitense.
-Alberto Ascari (Milano, 13 luglio 1918 – Monza, 26 maggio 1955) è stato un pilota automobilistico e pilota motociclistico italiano, vincitore del titolo di campione del mondo di Formula 1 nel 1952 e nel 1953.
-Alvaro Leonardi (Terni, 16 novembre 1895 – Cameri, 1º gennaio 1955) è stato un aviatore e militare italiano.
-Étienne Oehmichen (Châlons-sur-Marne, 15 ottobre 1884 – Parigi, 10 luglio 1955) è stato un ingegnere francese.
-Giustino Maria Russolillo (Pianura, 18 gennaio 1891 – Napoli, 2 agosto 1955) è stato un sacerdote italiano, venerato come beato dalla Chiesa cattolica.
-James Byron Dean (Marion, 8 febbraio 1931 – Cholame, 30 settembre 1955) è stato un attore statunitense.
-Monsignor Giovanni Battista Alfano (Napoli, 8 dicembre 1878 – Napoli, 27 dicembre 1955) è stato un presbitero, geologo, vulcanologo e sismologo italiano.
-Paul Thomas Mann (Lubecca, 6 giugno 1875 – Zurigo, 12 agosto 1955) è stato uno scrittore e saggista tedesco. Premio Nobel nel 1929, è considerato una delle figure di maggior rilievo della letteratura europea del Novecento.
-Pina Piovani, nome d’arte di Giuseppina Piovani (Roma, 20 marzo 1897 – Roma, 2 gennaio 1955), è stata un’attrice italiana.
-Rodolfo Graziani (Filettino, 11 agosto 1882 – Roma, 11 gennaio 1955) è stato un generale e politico italiano.
-Sir Alexander Fleming (Lochfield, 6 agosto 1881 – Londra, 11 marzo 1955) è stato un medico, biologo e farmacologo britannico.
-Tom Moore, all’anagrafe Thomas J. Moore (Fordstown Crossroads, 1 maggio 1883 – Santa Monica, 12 febbraio 1955), è stato un attore cinematografico e regista irlandese naturalizzato statunitense, apparso in 186 film tra il 1908 e il 1954, spesso con ruoli da protagonista romantico, specialmente nel periodo del muto, ma anche agli inizî del sonoro.
-Tribhuvan Bir Bikram Shah Dev – Tribhuvana Vīra Vikrama Śāhadeva; Kathmandu, 30 giugno 1906 – Zurigo, 13 marzo 1955) è stato re del Nepal dal dicembre 1911 al novembre 1950 e dal gennaio 1951 al marzo 1955.
-Valentina Frascaroli, pseudonimo di Valeria Frasca (Torino, 29 luglio 1890 – Neuilly-sur-Seine, 18 gennaio 1955), è stata un’attrice italiana autentica diva del cinema muto.
Albert Einstein, Thomas Mann, James Dean, Alberto Ascari, A. Fleming scopritore della penicillina…. certo non mi sarebbe dispiaciuto essere la reincarnazione di qualcuno di questi Signori sopra riportati!!!

 1955-gronchi

italiaentranell0nu

1955 – Governo tripartito DC, PSDI, PLI guidato da Antonio Segni. Viene eletto terzo Presidente della Repubblica Italiana Giovanni Gronchi. Emilio Segrè scopre con Owen Chamberlain l’antiprotone.

1955-agilux  1955-bollo

L’Italia del “miracolo economico
1955 – E’ boom, allegria! E’ l’anno della rivoluzione dei consumi, il Paese vive il boom economico. Il presentatore italo-americano Mike Bongiorno il 19 novembre 1955  inizia a condurre il quiz televisivo “Lascia o Raddoppia?”, simbolo della rinascita, della voglia degli italiani di competere e di distrarsi i cui concorrenti diventarono presto famosi, come la valletta Edy Campagnoli. Durante la trasmissione settimanale del seguitissimo programma i bar dotati di televisore aumentavano i prezzi delle consumazioni, mentre le sale cinematografiche sospendevano la programmazione per trasmettere le puntate sul grande schermo. L’Italia risorta dalle macerie scopre il benessere dell’era moderna.

1955sanremotv

1955-sofialoren

una-scena-del-film-l-arte-di-arrangiarsi-alberto-sordi

Photo datée de 1950 de l'actrice américaine Marilyn Monroe. Picture taken in 1950 of american actress Marilyn Monroe.
Marilyn Monroe: arriva l’era delle pin-up, con lunghe gambe, vita stretta e fianchi e seno abbondanti.

1955-07triolescano

1955-04

1955-05

1955-RADIO D'EPOCA A VALVOLE SIEMENS

ilvittorioso2

La televisione, la Rai democristiana nasce con una nuova funzione educativa: persino nei quiz di Mike Bongiorno, che danno i soldi a chi sa, non solo a chi appare.

I sedici argomenti di Lascia o raddoppia: musica lirica, musica sinfonica e da camera, musica leggera e jazz, teatro di prosa, teatro di rivista e varietà, cinema, arti figurative, storia d’Italia, letteratura italiana, scienze fisiche e naturali, moda, calcio, ciclismo, atletica, filatelia e numismatica, gastronomia.

La prima domanda di Lascia o raddoppia?: “Qual è l’ultima opera composta da Verdi?”. Lando Degoli: “Falstaff”. Esatto. La vincita massima era di 5 milioni e 250.000 lire; se il concorrente al raddoppio finale decideva di “lasciare”, poteva ritirare una Fiat 600.

casanova

gioventù bruciata

iltetto

lilli

Nel frattempo l’Italia, pur restando nella sostanza ancora un paese contadino, muoveva quindi i primi passi sulla via del suo “miracolo economico”. Gli occupati nell’agricoltura, oggi ridotti a meno di 3 milioni, erano 7.740.000 (contro 6.655.000 dell’industria e 4.655.000 del terziario).
La Fiat 600 diventò l’automobile della famiglia media: nel giro di quattro anni le patenti di guida crebbero di quasi un milione. Se in primo luogo questa vetturetta diede inizio alla motorizzazione di massa, dopo, ebbe un riflesso più ampio sull’intera economia italiana.

1955-vespa150struzzo

Infatti favorì ed orientò l’espansione dei beni di consumo durevoli e, con l’agevolazione delle vendite rateali – che si amplio in modo abnorme – stimolò il possesso di altri beni durevoli che presto arriveranno sul mercato, la TV, gli elettrodomestici, i mobili, ecc, indirizzando così per alcuni anni una buona parte di quota di reddito dei lavoratori proprio verso qesto tipo di consumi “di lusso” non di prima necessità, pure questi carenti perché prodotti in maniera inadeguata con metodi artigianali, senza ricorrere a macchine utensili e, come pure nell’agricoltura, una enorme scarsità di impiego di mezzi meccanici impedisce di progredire.
Nel 1955, in Italia i frigoriferi (anzi i frigidaire, come si diceva allora) erano ancora 300 mila (nel 1969 sarebbero diventati 1 milione e mezzo), le lavatrici soltanto 50 mila (soltanto nel 1963 sarebbero passate a 262 mila).
L’industria italiana degli elettrodomestici era al terzo posto nel mondo dopo Stati Uniti e Giappone, mentre la Olivetti conquistava una sua leadership per la qualità delle macchine per scrivere. Un miracolo che purtroppo nei decenni successivi è andato profressivamente spegnendosi.
Il telefono era a muro (così l’abbonamento costava meno), attaccato alla parete del corridoio. Un modo per risparmiare era anche averlo in duplex, con un abbonato dello stesso palazzo. La scelta era importante, bisognava “imparentarsi” con qualcuno che facesse poche e brevi telefonate perché, se uno parlava, il telefono dell’altro rimaneva muto.

1955, ecco Vittorio De Sica intrattenere centinaia di ragazze, fra le quali ha promesso di scegliere la protagonista di “Il tetto”. A Cinecittà si lavorava senza tregua per sfornare più di cento film all’anno; e diventare attrice era per tutte le ragazze un sogno abbastanza vicino.

1955-magni

maionese

ilvittorioso

1955-Gina-Lollobrigida

Tutti i successi canori del 1955 e dintorni:
Arrivederci Roma (by Garinei, E – Giovannini, G – Rascel) – Renato Rascel
Accarezzame (by Nisa / Calvi,P) – Teddy Reno (1954)
All of you (by Porter, C) – Frank Sinatra


L’Ammore mio è francese (by Calise,U – Cicero) – Ugo Calise
Amo Parigi (I love Paris) (by Notorius – Porter, C) – Carla Boni (1953)
Aria de Roma (by Rascel) – Renato Rascel


Autunno in Roma (by Larici – Cahn – Cicognini – Weston) – Nilla Pizzi
‘A Bonanema ‘e ll’ammore (by Festa – Jovino) – Gino Latilla
Buongiorno tristezza (by Fiorelli – Ruccione) – Claudio Villa
Canto a voce piena (by Ciervo – Mari,A) – Claudio Villa


Canto nella valle (by Fusco – Panzeri,M) – Natalino Otto & Trio Aurora
Che fai tu luna in ciel (by Brinniti – Rastelli) – Jula De Palma
Ci ciu ci cantava un usignol (by Minoretti – Seracini,R) – Natalino Otto & Trio Aurora
Ciao (O-ho A-ha) (by Gietz) – Quartetto Cetra
Ciribiribin (by Pestalozza – Tiochet) – Mitzi Kirchner
La Donna riccia (by Modugno,D) – Renato Carosone (1954)
Dove andranno a finire i palloncini (by Garinei, E – Giovannini, G / Kramer, G) – Renato Rascel (1954)
Eh cumpari (by Bleyer, A – LaRosa, J) – Julius LaRosa (1953)


Era un omino (piccino piccino) (by Paolillo,G) – Clara Jaione & Radio Boys
Fontana di Trevi (Three coins in the fountain) (by Devilli – Cahn,S / Styne,J) – Luciano Tajoli
Malafemmina (by De Curtis, A) – Renato Carosone
La Pansè (by Cioffi,G – Pisano, G) – Renato Carosone
‘O Ritratto ‘e Nanninella (by Scarfò / Vian) – Sergio Bruni
Scapricciatiello (by Albano, F – Vento, P) – Aurelio Fierro (1954)
Souvenir d’Italie (by Luttazzi, L – Scarnicci – Tarabusi) – Jula De Palma
Torna a Surriento (by De Curtis, E – De Curtis, GB) – Aldo Piacenti

Provati dal lavoro, la domenica gli italiani si drogano negli stadi e nei bar, davanti ai televisori. La speranza di fare tredici al totocalcio li tiene su un giorno dopo l’altro. Ma siamo ancora, di fronte allo sport, dei puri di cuore, capaci di passioni e follie.

Costo della vita: stipendio di un operaio circa 40 mila lire=20,66 €, costo giornale e biglietto del tram 25 lire=0,01 €, tazzina caffè 40 lire=0,02 €, pane 150 lire al chilo=0,08 €, latte 90 lire=0,05 €, vino 120 lire al litro=0,06 €, pasta 190 lire al chilo=0,10 €, riso 170 lire al chilo=0,09 €, carne di manzo 1.200 lire al chilo=0,62 €, zucchero 260 lire al chilo=0,13 €, benzina 138 lire=0,07 €, 1 grammo di oro (721 lire=0,37 €), costo di un auto 600 (590 mila lire=304,71 €), un televisore 160 mila lire=82,63 € (l’abbonamento 12.500 lire=6,46 €), una radio da comodino 23 mila lire=11,83 €, un giradischi 30 mila lire=15,49 €, un disco 78 giri (800 lire=0,41 €).

1955-banconota

1955-03

Uno dei motori del miracolo è rappresentato dalle migrazioni interne dal Sud al Nord e dalle campagne alle città che toccarono il loro punto più alto tra il 1960 e il 1963.  D’altro canto, l’introduzione, nel dicembre 1962, dell’obbligo per la scuola media, intaccando le gerarchie sociali, è stata la misura che più ha rivoluzionato la vecchia e ingiusta Italia del dualismo élite-popolo.

emigranti-torino

Ciò nondimeno, però, va detto che il progresso e il benessere si sono spesso trasformati in uno straordinario regresso dal punto di vista umano. L’unico Dio veramente condiviso è il Dio quattrino e tutti gli altri valori pre-politici, come onestà, lealtà, dignità, che esistevano anche nel nostro Paese sono stati cancellati.

anni 60

1955-francobolli

Negli anni ‘50 l’onestà era un valore per tutti, per la borghesia, se non altro perché dava credito, nel mondo contadino lo sanno tutti, se tu violavi la stretta di mano eri emarginato e anche per il mondo proletario.

1955-06

Ecco perché dico che ci vorrebbe una guerra, non quelle che facciamo sugli altri, ma quelle da subire, perché almeno ci ridarebbe una scala di valori: ciò che è realmente importante e ciò che non è importante… Ma comunque bisognerebbe ritornare all’essenziale, senza esagerare in quanto io odio la decrescita economica che, credo equivalga sempre e solo a un aumento della povertà tra i cittadini e alla conseguente riduzione o cancellazione dei servizi che lo Stato offre in cambio delle tasse: come la sanità, gli ospedali, la scuola, il trasporto pubblico, la manutenzione delle città e delle strade e la loro illuminazione ecc. ecc.. Penso che la decrescita economica porti sempre alla decrescita del pensiero, del sentimento di un popolo, del suo morale e spesso anche della sua morale; che sia un’idea perdente, perché consiste nell’alzare bandiera bianca e abbandonarsi all’idea che gran parte delle persone non lavorino più o che non lavoreranno mai; che sia un’idea insopportabilmente elitaria, perché, guarda caso, a invocare la decrescita sono sempre o quasi sempre coloro che hanno, mentre chi non ha, chi è povero, deve e vuole crescere, nella speranza antica e sacrosanta che i suoi figli e le sue figlie possano trovare un buon lavoro e vivere una vita più prospera della propria.

capp

Dal miracolo economico alla crisi della “seconda Repubblica
Dopo la grande trasformazione sopra descritta durata fino al 1967, in tutta l’Europa occidentale la crescita è continuata ancora per qualche tempo dopo che le forze che l’avevano nutrita si erano indebolite anche, ma non solo e non ovunque nella stessa misura, grazie alla dilatazione dei debiti pubblici e privati. Dalla fine del XX secolo le cose sono però progressivamente diventate sempre più difficili, e il 2007 ha segnato una decisa svolta verso il peggio.

euro-ilcaroestinto
Infatti, il grande slancio e i sogni generati dal miracolo economico ci hanno fatto credere che una crescita indefinita avrebbe permesso di garantire senza aggravi fiscali i diritti sociali ed economici. In realtà, dagli anni settanta in poi l’Italia ha pagato benessere e diritti anche ipotecando il proprio futuro. Fenomeni come l’industria di stato, il declino demografico, il Servizio sanitario nazionale, la partitocrazia, il predominio della politica in cui tutto cambia perché nulla o poco cambi, hanno avuto un peso maggiore di quello del terrorismo o del compromesso storico nelle vicende di un paese che, appunto, ha scelto di rinviare finché possibile il faccia a faccia con il ristagno e ora la decrescita e la perdita di posizioni dell’Occidente e scaricare ancora una volta il costo delle sue illusioni sulle giovani generazioni.

partitocrazia

Pertanto, oggi, ci troviamo di fronte alla necessità di una sfida, non più eludibile, di contribuire alla sostenibilità dello sviluppo ridimensionandoci, o meglio cercando di produrre più ricchezza capace di conservare la qualità della vita attraverso un minor uso delle risorse ambientali.  In altri termini sarebbe opportuno, ad esempio, puntare sulla produzione di alte tecnologie sempre più miniaturizzate, prossime ad integrarsi con il nostro corpo e la nostra mente, per permetterci di fruire gli sconfinati territori virtuali del digitale.  Il nuovo motore dello sviluppo potrebbe essere la “connettività” fra i soggetti coinvolti in questi processi: dalle reti infrastrutturali di nuova generazione al commercio elettronico, dalla elaborazione intelligente di grandi masse di dati, dallo sviluppo degli strumenti digitali ai servizi innovativi di comunicazione, alla crescita massiccia di giovani “artigiani digitali”.
Nuove energie, inoltre, si potrebbero sprigionare nell’ambito di un processo di radicale revisione del welfare, che permetterebbe anche l’apertura di nuovi spazi imprenditoriali e di nuove occasioni di lavoro. Noi, più fortunati dei nostri padri e dei nostri figli, dobbiamo rinunciare al nostro egoismo corporativo per essere degni dei nostri nipoti. Convincere i ragazzi a darsi da fare per non finire a fare i camerieri agli ingegneri indiani e perché il merito vince sempre e le raccomandazioni sono un’eccezione e non la regola.

carb

Storia di una vita

Proprio in questo “post da ricordare” vorrei abbracciare l’intera avventura della mia esistenza: a partire dalla stagione affascinante e fatata dell’infanzia dove tutto sembrava un gioco, passando per gli anni della formazione e le grandi scelte esistenziali fino al tempo lungo della vecchiaia…si spera.
Le vicende dei seguenti pontefici, capi di Stato e di governo si sono alternati a quelli con persone semplici, sofferenti e coraggiose che sono state la vera colonna portante dell’Italia nei momenti più difficili.
Sette papi,
Pio XII                              (Eugenio Pacelli)                         2 marzo 1939-9 ottobre 1958
San Giovanni XXIII       (Angelo Giuseppe Roncalli)    28 ottobre 1958-3 giugno 1963
Paolo VI                            (Giovanni Battista Montini)    21 giugno 1963-6 agosto 1978
Giovanni Paolo I             (Albino Luciani)             26 agosto 1978-28 settembre 1978 (33 giorni)
San Giovanni Paolo II    (Karol Wojtyła)                           16 ottobre 1978-2 aprile 2005
Benedetto XVI                 (Joseph Ratzinger)         19 aprile 2005-28 febbraio 2013 (rinuncia)                                                 In vita (Papa emerito)
Francesco                          (Jorge Mario Bergoglio)            13 marzo 2013  In carica
undici presidenti della Repubblica e
Luigi Einaudi              12 maggio 1948-11 maggio 1955
Giovanni Gronchi       11 maggio 1955-11 maggio 1962
Antonio Segni              11 maggio 1962-6 dicembre 1964
Giuseppe Saragat        29 dicembre 1964-29 dicembre 1971
Giovanni Leone           29 dicembre 1971-15 giugno 1978
Sandro Pertini                9 luglio 1978-29 giugno 1985
Francesco Cossiga          3 luglio 1985-28 aprile 1992
Oscar Luigi Scalfaro     28 maggio 1992-15 maggio 1999
Carlo Azeglio Ciampi   18 maggio 1999-15 maggio 2006
Giorgio Napolitano       15 maggio 2006-22 aprile 2013    1º mandato
Giorgio Napolitano       22 aprile 2013   In carica      2º mandato
cinquantaquattro Presidenti del Consiglio dei ministri.
Mario Scelba        10 febbraio 1954-6 luglio 1955                      Democrazia Cristiana
Antonio Segni (Segni I)        6 luglio 1955-19 maggio 1957      Democrazia Cristiana
Adone Zoli                              19 maggio 1957-1° luglio 1958      Democrazia Cristiana
Amintore Fanfani (Fanfani II)    1° luglio 1958-15 febbraio 1959  Centrismo DC-PSDI
Antonio Segni (Segni II)       15 febbraio 1959-25 marzo 1960  Democrazia Cristiana
Fernando Tambroni              25 marzo 1960-26 luglio 1960      Democrazia Cristiana
Amintore Fanfani (Fanfani III)  26 luglio 1960-21 febbraio 1962 Democrazia Cristiana
Amintore Fanfani (Fanfani IV)   21 febbraio 1962-21 giugno 1963 DC-PSDI-PRI
Giovanni Leone (Leone I)            21 giugno 1963-4 dicembre 1963  Democrazia Cristiana
Aldo Moro (Moro I)  4 dicembre 1963-22 luglio 1964    Centro-sinistra DC-PSI-PSDI-PRI
Aldo Moro (Moro II)   22 luglio 1964-23 febbraio 1966   DC-PSI-PSDI-PRI
Aldo Moro (Moro III)    23 febbraio 1966-24 giugno 1968   DC-PSI-PSDI-PRI
Giovanni Leone (Leone II)        24 giugno 1968-12 dicembre 1968   Democrazia Cristiana
Mariano Rumor (Rumor I)       12 dicembre 1968-5 agosto 1969       DC-PSI-PSDI-PRI
Mariano Rumor (Rumor II)        5 agosto 1969-27 marzo 1970          Democrazia Cristiana
Mariano Rumor (Rumor III)    27 marzo 1970-6 agosto 1970             DC-PSI-PSDI-PRI
Emilio Colombo                             6 agosto 1970-17 febbraio 1972        DC-PSI-PSDI-PRI
Giulio Andreotti (Andreotti I)  17 febbraio 1972-26 giugno 1972       Democrazia Cristiana
Giulio Andreotti (Andreotti II) 26 giugno 1972-7 luglio 1973              DC-PSDI-PLI
Mariano Rumor (Rumor IV)        7 luglio 1973-14 marzo 1974             DC-PSI-PSDI-PRI
Mariano Rumor (Rumor V)       14 marzo 1974-23 novembre 1974     DC-PSI-PSDI
Aldo Moro (Moro IV)       23 novembre 1974-12 febbraio 1976             DC-PRI
Aldo Moro (Moro V)         12 febbraio 1976-29 luglio 1976                     Democrazia Cristiana
Giulio andreotti (Andreotti III) 29 luglio 1976-11 marzo 1978              Democrazia Cristiana
Giulio andreotti (Andreotti IV)  11 marzo 1978-20 marzo 1979            Democrazia Cristiana
Giulio andreotti (Andreotti V)   20 marzo 1979-4 agosto 1979              DC-PSDI-PRI
Francesco Cossiga (Cossiga I)      4 agosto 1979-4 aprile 1980               DC-PSDI-PLI
Francesco Cossiga (Cossiga II)    4 aprile 1980-18 ottobre 1980            DC-PSI-PRI
Arnaldo Forlani                  18 ottobre 1980-28 giugno 1981                     DC-PSI-PSDI-PRI
Giovanni Spadolini (Spadolini I) 28 giugno 1981-23 agosto 1982         DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Giovanni Spadolini (Spadolini II) 23 agosto 1982-1° dicembre 1982    DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Amintore Fanfani (Fanfani V)        1° dicembre 1982-4 agosto 1983      DC-PSI-PSDI-PLI
Bettino Craxi (Craxi I)        4 agosto 1983-1° agosto 1986                         DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Bettino Craxi (Craxi II)       1° agosto 1986-17 aprile 1987                         DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Amintore Fanfani (Fanfani VI)     17 aprile 1987-28 luglio 1987              Democrazia Cristiana
Giovanni Goria                   28 luglio 1987-13 aprile 1988                           DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Ciriaco De Mita                  13 aprile 1988-22 luglio 1989                           DC-PSI-PRI-PSDI-PLI
Giulio andreotti (Andreotti VI)    22 luglio 1989-12 aprile 1991               DC-PSI-PSDI-PRI-PLI
Giulio andreotti (Andreotti VII)  12 aprile 1991-28 giugno 1992              DC-PSI-PSDI-PLI
Giuliano Amato  (Amato I)          28 giugno 1992-28 aprile 1993              DC-PSI-PSDI-PLI
Carlo Azeglio Ciampi           28 aprile 1993-10 maggio 1994    DC-PSI-PDS-PSDI-PRI-PLI-FdV
Silvio Berlusconi (Berlusconi I)  10 maggio 1994-17 gennaio 1995    FI-LN-AN-CCD-UdC-FLD
Lamberto Dini                       17 gennaio 1995-17 maggio 1996     PDS-PPI-PSI-FdV-Rete-CS-LN
Romano Prodi (Prodi I)       17 maggio 1996-21 ottobre 1998     PDS-PPI-UD-FdV-RI-SI
Massimo D’Alema (D’Alema I)     21 ottobre 1998-22 dicembre 1999           L’Ulivo
Massimo D’Alema (D’Alema II)   22 dicembre 1999-25 aprile 2000             L’Ulivo
Giuliano Amato  (Amato II)          25 aprile 2000-11 giugno 2001                  L’Ulivo
Silvio Berlusconi (Berlusconi II)  11 giugno 2001-23 aprile 2005           Casa delle Libertà
Silvio Berlusconi (Berlusconi III) 23 aprile 2005-17 maggio 2006         Casa delle Libertà
Romano Prodi (Prodi II)       17 maggio 2006-8 maggio 2008                        L’Ulivo
Silvio Berlusconi (Berlusconi IV)   8 maggio 2008-16 novembre 2011      Centro-destra
Mario Monti                            16 novembre 2011-28 aprile 2013                    Indipendente
Enrico Letta                            28 aprile 2013-22 febbraio 2014                  Grande coalizione
Matteo Renzi                           22 febbraio 2014  In carica                         PD-NCD-SC-UdC-PI
La mia infanzia fu soprattutto ordinata, obbediente, dedicata agli adempimenti dovuti (lo studio innanzitutto). Io sapevo che cosa chiedevano, che cosa si aspettavano, quale investimento non solo in ambito finanziario ma naturalemente anche in quello affettivo, in termini di vero e proprio amore, avevano fatto mio padre e mia madre sul loro unico figlio. I miei genitori mi ammonivano a frequentare soltanto persone più brave e migliori di me, contribuendo in modo determinante alla mia primissima formazione.  Fortunatamente, la capacità di rispondere a queste aspettative mi dava un senso di potere che mi faceva sentire bene e in pace con me stesso,  senza comunque, soffocare troppo la fantasia, l’imprevedibilità o la forza della novità e dell’inventiva.

carb

3 Comments so far

  1. [...] Un post da ricordare [...]

  2. Rodolfo on marzo 26th, 2013

    Salve, anche io sono nato a Roma nel gennaio del ’55.I miei avevano un “portierato” vicino piazza Euclide, fino al 1963 andavo a scuola dalle monache di Villa Glori(adesso c’é la Caritas). Non ho un buon ricordo di quel periodo… Le monache mi costringevano al riposo pomeridiano a suon di sganassoni… e,non essendo io un pariolino ma figlio di portieri, finito l’orario scolastico me ne stavo da solo in giro per il quartiere aspettando l’ora di cena. L’unico compagno era il cane dell’Alitalia (sede tra via G. Del Monte e via M. Plidsuski). Si chiamava Alit. Io ero incaricato di portarlo a spasso e nutrirlo… Ciao

  3. mulberry lily bags tan by oc on agosto 3rd, 2014

    mulberry women’s wallet for sale

    The 10 Pieces I’m Packing To Get muberry clutch bag selfridges Me Through Paris Fashion Week PHOTOS replica muberry clutch bag ,muberry clutch bag selfridges,replica muberry clutch bag I’ve said it before and I’ll say it again: I have the best job e…

Lascia un commento