Argentario – Toccata e fuga in uno dei luoghi imperdibili della Toscana mediterranea


Come promesso (vedere precedente post: “Il tramonto dalla spiaggia della Giannella”) ci siamo concessi un breve soggiorno, dal 21 al 23 settembre 2022, presso l’hotel “Villa Smeraldo” situato sul tombolo della Giannella, un lembo di terra sabbioso che unisce il Monte Argentario alla terra ferma.

>Continua…

Lazio: Subiaco


Un’altra bella gita da fare nei dintorni di Roma è sicuramente a Subiaco, situato su uno sperone di roccia calcarea che domina la Valle dell’Aniene. Un borgo alto-medievale con un centro storico ricco di punti storico-artistico-religiosi. Tra i primi antichi coloni della zona vi fu la popolazione degli Aequi. Nel 304 a.C. furono conquistati dai Romani. Questo è il post con le sensazioni e le informazioni del viaggio, suddiviso per motivi tecnici in due parti.

>Continua…

Una cartolina dalle Cascate di Chia nel comune di Soriano nel Cimino (VT)


Le cascate di Chia, nel viterbese, vicino a Soriano nel Cimino e all’omonimo borgo medievale di Chia, sono l’ideale per una bella gita alla scoperta di un luogo poco conosciuto nel Lazio ma ricco di storia e fascino. Questo immenso patrimonio storico e ambientale è il luogo ideale per trascorre una giornata all’insegna della storia, natura e del relax.

>Continua…

Sperlonga…amore a prima vista


Tempo fa vidi in tv uno dei tanti documentari del grande Alberto Angela sull’antica Roma e una parte di questo era girato sulla spiaggia della villa di Tiberio a Sperlonga; da lì, dalle immagini di quella spiaggia con la grotta e le antiche rovine, è partita l’idea per questa settimana di fine maggio-inizio giugno alla scoperta di una zona dove da ragazzo feci campeggio libero insieme ad amici e che ha superato tutte le aspettative.  Questo è il post con le sensazioni del viaggio, suddiviso per motivi tecnici in due parti.

>Continua…

Onorevole voltagabbana – Valzer parlamentare – I cambi di gruppo


Dio, quanto mi fanno schifo i voltagabbana! Quanto li odio, quanto li disprezzo! I voltagabbana in Italia sono sempre esistiti in abbondanza: d’accordo. Io mi diletto di Storia, e so bene che gli italiani sono sempre stati dei voltagabbana. Per rendersene conto basta ricordare come si comportarono i sindaci toscani ai tempi degli Asburgo-Lorena. Come saltavano dal Granduca a Napoleone e da Napoleone al Granduca. Però mai quella sconcezza ha raggiunto le vette disgustose di oggi. E la cosa più tremenda sai qual è? È che, essendovi abituati, gli italiani non se ne scandalizzano affatto. Anzi si meravigliano se uno resta fedele alle sue idee. (Oriana Fallaci, La rabbia e l’orgoglio – Milano, Rizzoli 2004).

>Continua…

Pagina successiva »